5 commenti su “Altri pensieri con un toast in mano

  1. Mi ero fatto l’idea che quel posto lo gestissero in modo famigliare: titolare, moglie e figlia. Anche perchè con quei prezzi non so come altro farebbero a far tornare i conti.

    Quindi magari è la figlia.

  2. Interessante, hai un complesso di superiorità e nello stesso tempo un complesso di inferiorità a riguardo…

  3. Non riconosco mai nessun vecchio compagno, in compenso li riconosce mia madre. Inizia con “Ma tu sei..!” e attacca un raggelante terzo grado per paragonare i traguardi del malcapitato con i miei (disoccupata, ricordiamolo). Io di solito tento di penetrare nella parete retrostante e scomparirvi, ma spesso non funziona.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...